Ara del giacinto

L'ara del giacinto - fotografia dall'utente BluesyPete di Wikimedia
L’ara del giacinto – fotografia dall’utente BluesyPete di Wikimedia

L’ara del giacinto è originaria del Sudamerica centrale e orientale. Ama le paludi di palme e  le aree boschive mentre non gradisce la foresta pluviale. È un pappagallo molto socievole e intelligente, ecco perché è il sogno di tutti gli amanti di uccelli averne uno. Purtroppo, a causa dell’eccessiva richiesta, la sua popolazione è fortemente minacciata.

Tra tutte le are è la più grande nonché la più grande specie di pappagallo volatore al mondo. La sua popolazione, purtroppo, sta diminuendo a causa del commercio dell’animale e della perdita del suo habitat naturale.

L’ara del giacinto è lunga 1 m dalla testa alla punta della coda e pesa circa 1,2 – 1,7 chilogrammi. Le sue piume sono di un blu più chiaro nella parte superiore del corpo e più scure sulle ali ed ha un grande becco nero ricurvo. Attorno alla parte inferiore del becco ha la pelle di un giallo più chiaro rispetto al contorno degli occhi. Maschi e femmine sono identici.

l'ara del giacinto è il pappagallo più lungo del mondo
l’ara del giacinto è il pappagallo più lungo del mondo

Possiede un becco molto forte per mangiare, è persino in grado di piegare una barra saldata di una gabbia in ferro battuto! Si alimenta di gherigli di noci dal guscio duro  e semi. Il suo forte becco può spaccare le noci di cocco, i grandi baccelli delle noci del Brasile e le noci di macadamia. Inoltre, mangia altra frutta e verdura e ama i pinoli.

L’ara del giacinto nidifica nelle cavità naturali degli alberi. Ogni covata è costituita da una o due uova. Le giovani are restano con i genitori finché non hanno 3 mesi. Il tasso riproduttivo di questo pappagallo è molto basso, non procrea necessariamente ogni anno. Corvidi, opossum, coati e tucani ne mangiano le uova. Fortunatamente gli adulti non hanno predatori, eccezione fatta per gli esseri umani. Questo uccello è una specie di pappagallo in via d’estinzione, è stato avviato il “Progetto Ara del Giacinto” per proteggere questi meravigliosi pappagalli dall’estinzione.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *